Archivi categoria: Scuola e apprendimento

Teatro della legalità

Sono importanti la conoscenza e l’informazione: conoscere cos’è il bullismo, come è messo in atto il cyberbullismo, quali danni provoca il fenomeno, quali sono i segnali che genitori e insegnanti possono cogliere, quali sono i mezzi e gli strumenti per difendersi, uscire dall’isolamento, aiutare la vittima.

E poi ci sono le emozioni. La rabbia, la paura, la vergogna, la colpa, l’angoscia della vittima.

E poi c’è l’empatia, la capacità di mettersi nei panni della vittima, di sentire e vivere le sue emozioni, per combattere l’isolamento e il silenzio.

E poi ci sono il teatro e la musica, con la loro intensità e il loro potere di emozionarci, coinvolgerci e vivere quello che l’altro vive.

Lo studente di successo

Scuola - Psicologo Benevento

Cosa rende di successo uno studente? Quali sono i comportamenti e le strategie che rendono efficace lo studio? Quali, invece, i fattori che portano alla demotivazione e al fallimento?

Studenti, genitori e insegnanti si pongono spesso questi interrogativi, ma non sempre riescono a trovare adeguate risposte e strade percorribili per mettere in atto tecniche di apprendimento e di insegnamento più fruttuose e funzionali. Per rispondere a queste domande, è utile far riferimento agli studi e alle ricerche in materia di apprendimento e metodi di studio, in modo da poter delineare il profilo dello studente efficace.

Lo studio è un’attività complessa, in cui entrano in gioco, in un processo circolare, variabili di tipo cognitivo, metacognitivo ed emotivo-motivazionale.

Quando si parla di variabili cognitive, si fa riferimento essenzialmente a processi come attenzione, comprensione, memorizzazione e a strumenti e tecniche che favoriscono l’ apprendimento. L’acquisizione di valide strategie di studio è un fattore fondamentale per il successo scolastico e accademico, ma non è sufficiente. È importante, infatti, considerare anche le componenti metacognitive ed emotivo-motivazionali, che un ruolo fondamentale giocano nel processo di apprendimento. Continua a leggere

Il tutor dell’apprendimento

Tutor dell'apprendimento

Negli ultimi anni, è sempre più diffusa la figura del tutor dell’apprendimento, in particolare nell’ambito dei disturbi specifici di apprendimento (DSA), ma anche per venire incontro alle esigenze di bambini e ragazzi con difficoltà scolastiche non connesse con disturbi specifici.

Il tutor non fa “ripetizioni”, non aiuta a fare i compiti, ma “entra” nel processo di apprendimento, lo analizza, ne individua i punti deboli e lo facilita.

Ciò implica che il tutor abbia una preparazione ad hoc, in riferimento alla psicologia cognitiva dell’apprendimento, alla metacognizione, alle strategie e alle tecniche più efficaci per i diversi contesti disciplinari.

L’intervento è individualizzato, considerando le caratteristiche, i bisogni, le potenzialità e le risorse del singolo studente. Non esiste una tecnica valida per tutti. Ognuno ha stili cognitivi e di apprendimento che implicano il ricorso a strategie specifiche. Ad esempio, al bambino che impara più facilmente ascoltando (stile uditivo), non è funzionale proporre sintesi scritte dell’argomento da studiare, più efficaci per lo studente con uno stile visivo verbale.

Compito del tutor, inoltre, è quello di gestire gli aspetti emotivi e motivazionali connessi con lo studio. Lo studente ha spesso alle spalle vissuti scolastici negativi, dovuti ai numerosi insuccessi sperimentati, che nel corso del tempo hanno generato ansia, frustrazione, paura di sbagliare, bassa autostima, demotivazione. Questi aspetti condizionano sia la quotidianità a scuola, che lo studio svolto a casa. È importante, quindi, dedicarvi ampia attenzione e gestirli nel rapporto di tutoraggio.

La finalità prioritaria del tutor è quella di favorire l’autonomia negli apprendimenti, costruire e sviluppare quei processi che permettano allo studente di fare sempre più da sé, mediante l’acquisizione di specifiche competenze e strategie, e mediante l’utilizzo di strumenti e metodologie, anche di tipo tecnologico.