ADHD

kandinsky-cielo-blu

Il Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è un disturbo del neurosviluppo, caratterizzato da una componente di disattenzione e/o iperattività-impulsività.

La disattenzione si manifesta con difficoltà a mantenere l’attenzione nel tempo, a portare a termine compiti e impegni, a seguire le istruzioni, a organizzare le attività; sono frequenti errori di inattenzione nei compiti scolastici ed episodi in cui ci si lascia distrarre da stimoli esterni.

L’iperattività è caratterizzata dalla tendenza a muovere mani e piedi, correre e arrampicarsi in modo inopportuno, parlare eccessivamente, dondolarsi sulla sedia.

L’impulsività, infine, si manifesta quando il bambino interrompe o si comporta in modo invadente verso gli altri, non aspetta il proprio turno, risponde prima che sia stata completata la domanda.

Le difficoltà nella gestione di questi aspetti è evidente sia a casa che a scuola. Familiari e insegnanti si confrontano quotidianamente con le difficoltà a far rispettare le regole, far svolgere compiti e attività, evitare situazioni rischiose sia per il bambino che per gli altri (fratelli, compagni di classe).

Il disturbo ha ripercussioni dirette nei vari ambiti della vita del bambino/adolescente: conseguenze sul piano dei rapporti interpersonali con gli adulti di riferimento e con i coetanei, apprendimenti a scuola, sviluppo emotivo e cognitivo, autostima.

Il trattamento dell’ADHD è di tipo multimodale e prevede una combinazione di interventi di tipo psicoeducativo e psicoterapeutico. L’intervento rivolto al bambino mira alla gestione dei comportamenti problematici, all’acquisizione delle competenze di gestione delle emozioni e delle abilità sociali. Con i genitori e gli insegnanti sono previsti, rispettivamente, il Parent training e il Teacher training, per l’acquisizione di strategie e strumenti atti a favorire la gestione dei comportamenti problematici e il miglioramento delle interazioni.

ADHD ultima modifica: 2016-11-30T18:26:50+00:00 da admin